Perchè la raccolta differenziata

Perchè la raccolta differenziata

Il settore dell’igiene urbana attraversa in questi anni una fase di profonda trasformazione. La vigente normativa nazionale (Decreto Ronchi) non parte più dal presupposto del “rifiuto da eliminare” ma da quello del “rifiuto da valorizzare” come risorsa ed energia attraverso la realizzazione di una gestione integrata che consenta di raggiungere gli obiettivi concordati a livello comunitario nella definizione di una politica ambientale sostenibile.

Le parole chiave sono:

PREVENZIONE E RIDUZIONE della produzione di rifiuti all’origine, sia in termini quantitativi (peso/volume) che  qualitativi (riduzione della pericolosità);

RECUPERO DI RISORSE dai rifiuti, da attuarsi prioritariamente attraverso il recupero di materia e secondariamente attraverso il recupero di energia prevedendo, pertanto, la separazione delle diverse frazioni che costituiscono il rifiuto urbano;

METODI DI SMALTIMENTO che garantiscano il rispetto dell’ambiente.

La raccolta differenziata assume pertanto un ruolo prioritario nel sistema di gestione integrata dei rifiuti, consente di perseguire l’importante obiettivo di diminuirne  il flusso da avviare allo smaltimento e di indirizzare positivamente l’intero sistema di gestione. Molti sono i motivi per continuare a differenziare la raccolta dei rifiuti. Innanzitutto per un senso civico di rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali. Ma anche per un motivo economico. L'obiettivo della raccolta differenziata deve essere perseguito con maggiore tenacia anche alla luce di quanto previsto dalla normativa nazionale vigente. Infatti, se non saranno rispettati obiettivi minimi di raccolta differenziata si potrebbe incorrere in una penalizzazione e, di riflesso, in un aumento dell'aliquota a carico dei Comuni per i rifiuti che vanno a finire in discarica e, conseguentemente, delle tariffe pagate dai cittadini. E' un grande risparmio di energia. Gettare via qualcosa significa, infatti, gettar via anche l'energia consumata per produrla. Inoltre, produrre oggetti con materiale di recupero richiede meno energia che produrli utilizzando materie prime. Si riduce la massa di rifiuti da smaltire, che sono di per sé un problema.