Calcolo della tariffa

La tariffa non viene calcolata come importo annuo, ma "pro die", cioè in base al numero di giorni nei quali l'utente è stato titolare della posizione: per posizione si intende la combinazione di numerosità di nucleo familiare e superficie occupata per i domestici, e attività e superficie occupata per i non domestici.

A titolo esemplificativo ipotizziamo alcuni casi che potrebbero verificarsi:

  • NUOVI UTENTI: il pagamento viene calcolato dalla data di inizio dell'occupazione o detenzione dei locali e/o aree soggette a tariffa, che si presume coincida con la data di attivazione della fornitura di energia elettrica o dalla data di acquisizione della residenza.

 

  • CESSAZIONE conduzione od occupazione locali e/o aree: il pagamento viene calcolato fino alla data della comunicazione della cessazione avvenuta; che si presume coincida con la data di chiusura dei contratti di fornitura servizi o di avvenuto decesso dell'utente. In caso di mancata comunicazione la tariffa continuerà ad essere dovuta;

 

  • VARIAZIONI relative agli elementi che influiscono sul calcolo della tariffa (superficie dei locali e/o aree e/o destinazioni d'uso degli stessi, variazioni del nucleo familiare), vale la data di comunicazione al soggetto gestore, salvo precisa indicazione della data di variazione come comunicata al competente ufficio (es. variazione nucleo familiare: data di effettiva comunicazione all'ufficio anagrafe).

La Tariffa è calcolata per anno solare se l'occupazione dei locali dura tutto l'anno. In caso di inizio di utenza è dovuta dal 1° giorno del bimestre solare successivo a quello in cui è avvenuta la variazione. Lo stesso vale in caso di cessazione dell'utenza.

Esempio 1 - io mi trasferisco in un'altra Città il 2 Febbraio 2009:

ho tempo per fare la denuncia fino al 2 Aprile 2009; pagherò la tariffa dal 1° Marzo 2009

Esempio 2 - chiudo la mia edicola il 23 Giugno 2009:

ho tempo per fare la denuncia fino al 23 Agosto 2009; pagherò la tariffa fino al 1° Luglio 2009.